Definizioni

L’odore è una sostanza che viene percepita dall’olfatto umano in grado di causare fastidio e danni alla salute. Le aziende nei loro processi produttivi emettono in atmosfera odori che possono disturbare, causando lamentele e contribuendo a rovinare la reputazione dell’azienda. Le emissioni contribuiscono all’inquinamento atmosferico e al cambiamento climatico, oltre a rappresentare un costo economico per l’azienda che emette tali emissioni odorose.

L’odore si diffonde nell’aria e provoca un carico di odori nell’ambiente (emmissione). Per carico di odore si intende la quantità di odore, espressa in unità di odore per metro cubo d’aria, che finisce su un oggetto sensibile agli odori come le abitazioni residenziali. Questa quantità può essere misurata o calcolata.

Il fastidio degli odori è il risultato cumulativo di un’esposizione ripetuta agli odori nell’ambiente. Per questo motivo, l’odore può anche comportare rischi per la salute. Il fastidio agli odori può portare a disturbi fisici come mal di testa, nausea, respirazione disturbata e battito cardiaco alterato. L’odore può anche causare sintomi psicologici. Per esempio, tensioni, insoddisfazione strutturale nei confronti dell’ambiente di vita e riduzione delle attività all’esterno dell’abitazione.

Il valore di soglia degli odori è la più bassa concentrazione di un composto che fa percepire una sostanza odorosa.

Come classificare gli odori?

Il fastidio da odore percepito dall’uomo dipende da una varietà di fattori, che possono includere la polvere, il tempo di esposizione, la posizione e la sensibilità personale. La durata e la frequenza dell’esposizione, la concentrazione e il valore edonico (piacevolezza o sgradevolezza di un odore) sono i più importanti tra questi.

Carico degli odori

“Per testare l’odore è necessaria una misura obiettiva. Questa misura oggettiva è espressa in unità di odore europeo per metro cubo d’aria (ouE/m³). Quando si misura l’odore con un olfattometro, si espone un gruppo di persone ad un campione di sostanza odorosa attraverso l’unità di diluizione dell’aria dell’olfattometro. Inizialmente, l’odore è altamente diluito in modo che l’intero gruppo non possa sentirlo. L’operatore aumenta poi la concentrazione riducendo la diluizione pura dell’aria e i membri del gruppo rispondono. L’operatore continua ad aumentare l’odore riducendo l’aria di diluizione fino a quando metà del gruppo avverte l’odore, ma l’altra metà ancora non è in grado di percepirlo.

Un’unità di odore per metro cubo è, per definizione, il punto in cui il 50% del gruppo di persone non percepisce l’odore, ma l’altro 50% sì. Questo punto di diluizione è anche chiamato soglia di percezione. L’operatore somma tutte le diluizioni che sono state necessarie per raggiungere tale soglia per calcolare quante unità odorose il campione originale aveva una volta raggiunta la soglia di percezione. Se il campione è stato diluito 414 volte, per raggiungere 1 unità di odore, allora la concentrazione di odore del campione era inizialmente di 414 unità di odore (ouE/m³). Questo metodo è indicato come metodo di diluizione a soglia, o metodo D/T.

Odori fastidiosi

Il fastidio agli odori è espresso per lo più come fastidio agli odori in percentuale al totale della popolazione (% di fastidio). Questa è la percentuale della popolazione che a volte o spesso soffre per quell’odore. Una relazione dose-effetto tra il carico di odori e la percentuale di fastidio da odore dà una maggiore comprensione del fastidio da odore. Ma non esiste un unico rapporto dose-effetto che si applichi a tutti gli odori e a tutte le situazioni. Il fastidio da odore che si prova dipende, per esempio, da fattori quali:

  • Durata dell’esposizione
  • Frequenza dell’esposizione
  • Natura e (s)gradevolezza dell’odore

Anche il rapporto con la fonte dell’odore ha naturalmente un’influenza sull’esperienza dell’odore. Esempi di relazione con la fonte degli odori sono:

  • La fonte di odore è l’azienda per cui lavorate?
  • Ci sono stati incidenti che hanno minacciato la sicurezza della vostra vita?

Qual è il potenziale odoroso dei composti?

La natura chimica di un composto odoroso può indicare il potenziale olfattivo di una molecola. La tabella 1 fornisce una panoramica del potenziale olfattivo di alcuni composti.

Tabella 1: Panoramica del potenziale odoroso dei composti

Alto potenziale di odore 

  • Composti organici dello zolfo 
  • Ammine volatili 
  • Acidi volatili 
  • Fenoli clorurati 
  • Cresole e skatole 
  • Solfuro di idrogeno (H₂S) 
  • Aldeidi insaturi 
Potenziali odori moderati 

  • Chetoni 
  • Aldeidi 
  • Esteri 
  • Alcoli 
Basso potenziale di odore 

  • Idrocarburi (clorurati)

Il mercato del controllo degli odori 

Diverse attività industriali possono produrre emissioni di odori che devono essere trattate nel punto di emissione. La tabella 2 fornisce una panoramica dei tipi di odori che sono stati trattati utilizzando carbone attivo. 

Tabella 2: Trattamento emissioni per rimozione degli odori 

Industria Applicazione
Agricoltura/bestiame  Rimozione degli odori derivanti da ammoniaca 
Industria chimica  Odori di acrilato 
  Odori di stirene 
  Odori di zolfo 
  Odori oleochimici 
Aromi e profumi, eliminazione di Odori di sostanze chimiche aromatiche
  Odore di olio essenziale 
  Odori di estrazione di erbe e spezie 
  Odore di profumo 
  Odore derivanti dalla raffinazione di sapori 
Industria alimentare, rimozione di  Odore di carne da macello 
  Odore di gomma da masticare 
  Odore di fermentazione 
  Odore di pesce 
  Odore di frittura 
  Odore di aglio 
  Odore di cipolla 
Metallurgia  Odore di selenofene 
Acque reflue municipali, rimozione di  Odore di uovo marcio
  Odore di fogna
  Odore di deposito fanghi
Industria petrolchimica  Idrocarburi aromatici 
  Impianto di produzione asfalto 
  Rimozione degli odori di bitume 
  Componenti organici dello zolfo 
  Paraffine 
  Serbatoi di stoccaggio odori
Saponi, detergenti e prodotti per la manutenzione  Produttori di detersivi in polvere 
Polistirolo espanso 
  Polistirolo 
  Stirene butadiene lactice 
  Gomma stirene butadiene 
  Copolimeri di stirene (ABS, SAN, ecc.) 
Trasporti  Cabine di verniciatura
  Pulizia di serbatoi 
Convertitori di resine poliestere insature (UP Resins)  Pietra artificiale, marmo 
  Costruzione di barche/costruzione di veicoli 
  Produttori di piscine domestiche 
  Produttori di tubi 
  Produttori di imbarcazioni da diporto 
  Lavorazione della plastica rinforzata con fibra di vetro 
  Produttori di articoli sanitari 
  Produttori di serbatoi 
Raccolta e riciclaggio dei rifiuti, rimozione di Odore derivanti da impianto di biogas 
  Odore di compostaggio
  Odore di rifiuti domestici
  Trattamento meccanico biologico (MBT) odore di processo
  Odore nei centri di raccolta dei rifiuti liquidi 
  Odore nelle aziende di trattamento dei rifiuti 
  Odore derivanti da smaltimento dei rifiuti

Dove posso trovare soluzioni per il controllo degli odori?

Jacobi Services offre un’ampia gamma di filtri mobili EcoFlow™ per il controllo degli odori in grado di gestire portate fino a 40.000 m³/h per filtro, compreso il carbone attivo adatto a tale applicazione. Contattate i nostri specialisti che vi aiutaranno a selezionare un carbone attivo conveniente ed efficiente.

Gli adsorbenti Jacobi sono utilizzati in una vasta gamma di applicazioni. Gli adsorbenti hanno generalmente una durata limitata e devono essere sostituiti una volta che sono saturi o quando l’obiettivo di trattamento è stato raggiunto. Jacobi Services offre diversi servizi di riciclaggio, recupero energetico o smaltimento in diverse strutture, a seconda delle proprietà del materiale esaurito.